Activity

Monte Lago Da Albaredo San Marco

Download

Trail photos

Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco

Author

Trail stats

Distance
4.74 mi
Elevation gain
4,652 ft
Technical difficulty
Moderate
Elevation loss
161 ft
Max elevation
7,617 ft
TrailRank 
31
Min elevation
3,121 ft
Trail type
One Way
Coordinates
339
Uploaded
March 3, 2024
Recorded
March 2024
Share

near Albaredo, Lombardia (Italia)

Viewed 57 times, downloaded 1 times

Trail photos

Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco Photo ofMonte Lago Da Albaredo San Marco

Itinerary description

Length: 7.629 km (4.74 mi)

Lascio l'auto nei pochi parcheggi all'uscita del paese e mi incammino sulla Via Priula.

La via Priula è una strada che nel XVI secolo collegava la città di Bergamo a quella di Morbegno, in Valtellina, collegando non solo le due province ma soprattutto il nord, in particolare il cantone dei grigioni alla repubblica di Venezia, allora "padrona" di Bergamo e nemica del ducato di Milano alleato agli spagnoli. Venezia, desiderosa di avere una via commerciale con i suoi alleati, senza passare dai nemici, decise di oltrepassare il muro delle orobie con la creazione di una nuova via.

«Ho fatto tagliare una strada nel sasso vivo.» disse il podestà Alvise Priuli nel 1593

Mi incammino sulla via e tra tagli della strada asfaltata che conduce al passo San Marco, mi ritrovo al vero punto di partenza del giro. Qui dove d'inverno la strada viene chiusa, inizia il sentiero che porta verso il rifugio Alpe Piazza.

Il sentiero inizia subito a salire con continui tornanti nel bosco sembrano non finire mai, il bosco in questo strano, caldo gennaio è irriconoscibile, secco. Finalmente finiscono i tornanti ed esco dal bosco e all'improvviso mi ritrovo a camminare tra momenti di pattinaggio, vista la forte presenza di ghiaccio nei tratti in ombra, a tratti spogli e un caldo anomalo. L'abbigliamento invernale con cui sono partito è, in gran parte, finito nello zaino. Supero le località Scoccia e Corte Grassa con le sue cascine poste su un terrazzo panoramico. Ritorno nel bosco fino a raggiungere la strada che mi porterà al rifugio.

Due chiacchere con i rifugisti e riparto verso il bivacco Legui che si raggiunge in pochi minuti, pensavo fosse più lontano. Raggiunto il bivacco indosso i ramponcini e decido di salire al monte Lago.

"fin dove riesco" mi ripeto. La salita all'inizio piuttosto leggera e facile in un ambiente completamente diverso dall'inizio dell'escursione. Neve, tantissima neve ! un paradiso ! Raggiunta una piccola selletta si svolta a sinistra e inizia il tratto di cresta piuttosto semplice ma decido, per sicurezza, di cambiare i ramponcini con i ramponi e salgo con maggior sicurezza.

La salita inizia a farsi sentire e non aiuta il meteo. Un cielo azzurro meraviglioso, caldo, ma basta una folata di vento che l'aria diventa gelida, il vento si presenta intermittente così salgo con antivento e giubbino ma appena il vento si calma sudo e mi fermo con la voglio di togliermi qualcosa ma ecco che torna il vento. Così fin sù alla croce.

Un ultimo tratto, forse il più "pericoloso", dove bisogna stare attenti a dove si mettono i piedi ed eccomi alla croce.

Il panorama qui lascia senza parole.

Discesa.

Lungo l'itinerario dell'andata.

Comments

    You can or this trail